La magia di Calitri: il Sancho Panza 

Ci sono regali che non hanno prezzo, soprattutto se li apri quando la vita e’ ostile e riescono a distoglierti dagli affanni. Cosi’ e’ il Sancho Panza, un lungo racconto in bottiglia di Guido e Igiea e Zampaglione. Un vino complesso, consistente, al naso, intrigante con note di limone, magnolia. Ha il profumo dei ricordi sbiaditi. Al palato risulta fresco e lungo. Un vino difficile da comprendere, ispido e suadente che insiste nella sua cripticita’, sfiancandoti ma al cui fascino non puoi sottrarti. E cosi’ ricominci: versi un altro dito nel bicchiere per ricercare quel franco profumo che riconosceresti ad occhi bendati. E quel sapore di Calitri, del Tufiello, e di un fiano piantato in altura da vignaioli che l’arte e il coraggio hanno nelle mani, negli occhi e nel cuore…Goodnight from the sea…F .

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo di WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione /  Modifica )

Google photo

Stai commentando usando il tuo account Google. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione /  Modifica )

Connessione a %s...

Questo sito utilizza Akismet per ridurre lo spam. Scopri come vengono elaborati i dati derivati dai commenti.